Cos'è la chimica verde?

Tabella dei Contenuti

Cosa c'è chimica verde?

Sicuramente questa domanda è interessante.

Una cosa è certa: le risposte che possiamo sentire ovunque sono molto diverse e molte volte sono indefinite o addirittura contraddittorie.

In questo articolo vi spiegherò (sulla base di una pubblicazione scientifica storica) come potrete riconoscere la chimica verde, i suoi prodotti quotidiani e quali principi reali la guidano.

Come si sa, la chimica, come disciplina, è piuttosto incantevole, con tutte le sue soluzioni colorate, i becher, gli strumenti di vetro, i fumi, le reazioni, ecc... che a volte esplodono!

La nostra fantasia collettiva è affollata da molte persone con un camice bianco e alcune provette in mano.

Siamo sinceri: chi non ha mai giocato al "giovane chimico" almeno una volta nella sua vita?

Quando siamo diventati adulti, il fascino iniziale è stato superato da un approccio più prudente.

Forse non hai avuto modo di studiare chimica come me, ma anche tu usi quotidianamente un numero incredibile di prodotti chimici, molte volte senza rendertene conto.

Quando sentiamo parlare di "chimica verde" avviene un grande dibattito, a volte anche confuso.

Naturalmente, succede per molte ragioni:

  • prima di tutto, l'aggettivo "verde" è sempre più trendy e abusato,
  • in secondo luogo, molte volte "verde" viene confuso con "non pericoloso", "ecologico" o "naturale".

Molte volte le cose sono in coincidenza, ma il più delle volte le cose devono essere analizzate nei dettagli.

chimica verde
Gruppo di scolari che lavorano alla lezione di chimica

Ora vi rivelerò, sulla base di un pubblicazione scientifica, il 12 principi della chimica verde, con il quale sarete in grado di rispondere alle seguenti grandi domande.

  • La chimica può davvero essere verde?
  • C'è un modo per distinguere la chimica verde da quella tradizionale?
Diventare verde

Potete leggere i 12 Green Chemistry qui sotto, direttamente dall'Università di Oxford:

1. Prevenzione

È meglio prevenire la formazione dei rifiuti che trattarli o pulirli dopo la formazione.

2. Economia atomica

Non abbiate paura!

Qui non stiamo parlando di missili o armi atomiche, ma solo di atomi.

Come ricorderete dalle vostre prime lezioni di chimica, l'atomo è la parte più piccola di un elemento chimico che mantiene tutte le proprietà chimiche dell'elemento stesso.

Nelle reazioni chimiche, tutto è in trasformazione, ma non sempre tutti i materiali che produciamo sono utili, quindi una gran parte di essi deve essere drenata o trasformata di nuovo.

Al contrario, nella chimica verde, è importante mantenere tutti i materiali di partenza nei prodotti finiti.

3. Metodi sintetici meno pericolosi

Quando è possibile, tutti i metodi di sintesi devono essere pianificati in modo da utilizzare e generare sostanze con la minima tossicità, per la salute umana e ambientale.

4. Pianificare prodotti chimici più sicuri

I prodotti chimici devono essere pianificati in modo da ottenere le funzioni desiderate minimizzando la tossicità.

5. Solventi e additivi più sicuri

Quando è necessario l'uso di additivi e solventi (ad es. diluenti, acetone, ecc...) dovrebbero essere selezionati quelli che hanno meno tossicità durante il loro utilizzo.

6. 6. Efficienza energetica

Il bisogno di energia per le preparazioni chimiche deve essere ottimizzato per evitare qualsiasi spreco di energia. I processi sintetici dovrebbero essere eseguiti a temperatura e pressione atmosferica.

7. Utilizzo di risorse rinnovabili

Ogni materia prima dovrebbe essere rinnovabile e sostenibile, quando è tecnicamente ed economicamente fattibile.

8. Riduzione dei derivati

I processi di derivazione che non sono necessari (per esempio, usando agenti bloccanti, o sistemi di protezione e de-protezione, ecc...) devono essere ridotti al minimo poiché questi passaggi richiedono reagenti aggiuntivi che producono rifiuti non desiderati.

9. Usare reagenti selettivi (catalisi)

I reagenti catalitici, che non si consumano durante il processo, sono preferiti a quelli stechiometrici, che si consumano totalmente durante il processo.

10. Degradabilità

I prodotti chimici devono essere progettati in modo tale che, alla fine della loro funzione, possano subire una degradazione totale, producendo sottoprodotti non tossici, che non possono danneggiare l'ambiente.

11. Monitoraggio puntuale dell'inquinamento 

I metodi analitici devono essere migliorati e potenziati per permettere il monitoraggio dei processi online e prevedere la formazione di sostanze pericolose.

12. Prevenzione degli incidenti per una chimica più sicura

Tutte le sostanze chimiche devono essere selezionate e utilizzate con l'obiettivo di ridurre al minimo gli incidenti, comprese le emissioni in aria, come le emissioni di fumi tossici, le esplosioni e gli incendi.

Se siete interessati a leggere l'articolo originale in inglese, qui avete il riferimento:

Anastas P.T. e Warner, J.C., Green Chemistry: Theory and Practice Anastas P.T. and Warner, J.C., Oxford University Press, New York, 1988, pag. 30.

it_ITItalian