Cosa hanno in comune solventi e coperture di asbesto?

Tabella dei Contenuti

I tempi sono cambiati

Molte volte quando sentiamo o leggiamo di rinnovabilità e sostenibilità, pensiamo a cosa contano nella nostra vita e attività quotidiana.

Normalmente rispondiamo: non contano affatto!

Al contrario, se considerate quanti prodotti sono cambiati nelle nostre attività attuali, rispetto a quelli usati dai nostri nonni, pensate a quanti di loro sono stati riconosciuti come pericolosi, nocivi, tossici o addirittura cancerogeni!

Questa lista potrebbe essere molto lunga!

Bisogna considerare che una volta le cose erano abbastanza diverse.

Le nostre scelte erano limitate a un'alternativa: usando ciò che era disponibile o non funzionando affatto!

Nella maggior parte dei casi, la maggior parte degli aspetti di tossicità e delle conseguenze sulla salute umana non erano affatto noti, non erano disponibili né etichette né dispositivi di protezione.

Purtroppo, tutte le conseguenze sono state riconosciute dopo molti e molti anni.

Un esempio terribile e diffuso è il tetto in amianto.

È stato inventato nel 1901 e durante il tempo è cresciuto molto ed è stato accettato come materiale standard per coprire tetti, tubature di acqua potabile, ecc.

Ci sono voluti quasi 60 anni per riconoscere pienamente la sua pericolosità intrinseca e altri 25 anni per fermarne completamente la produzione!

Sicuramente penserete: "25 anni sono tanti, perché così tanto?".

Le risposte possono essere diverse, ma la più semplice è la seguente:

Le persone fanno del loro meglio per resistere ai cambiamenti, anche se il pericolo è davanti a loro, e non vogliono agire fino a quando non sono costretti a farlo dalla legge.

La stessa cosa vale per i solventi.

Da anni, alternative più sicure ad alcuni solventi petrolchimici sono disponibili sul mercato, ma molto spesso utenti industriali e consumatori:

  • non ne sono consapevoli,
  • non sono interessati ad esso,
  • cosa sono questi cosiddetti biosolventi?

Cosa sono questi cosiddetti biosolventi?

Sono una famiglia di solventi di origine naturale, derivanti principalmente dalla fermentazione dei carboidrati contenuti nei vegetali (cioè zuccheri e amidi) e dalla trasformazione fisico-chimica di altre materie prime naturali.

Sono stati studiati e sviluppati apposta per sostituire i solventi tradizionali che usate ogni giorno.

Tuttavia, i biosolventi sono già utilizzati in tutto il mondo da un gran numero di aziende.

Sto parlando di aziende virtuose che si preoccupano davvero della salute della loro forza lavoro e vogliono per ridurre il loro impatto sull'ambiente.

Ci sono tanti campi in cui i biosolventi sostituiranno quelli tradizionali.

Per esempio nella produzione di rivestimenti a base di solventi (per esempio pitture, vernici, lacche, inchiostri, adesivi, sigillanti, sverniciatori), formulazione di prodotti di pulizia industriali e di consumo, formulazioni di cosmetici,

produzione di membrane, sintesi di polimeri e resine, estrusione di plastica, riciclaggio di plastica, procedure di manutenzione industriale e molti, molti altri.

Questa è solo la punta di un iceberg e forse potresti aver bisogno di sostituire i solventi tossici che stai usando senza saperlo.

Vantaggi dei biosolventi

I biosolventi possono assicurare 4 vantaggi principali:

  • sostituendo i solventi tradizionali, ma mantenendo le loro caratteristiche applicative;
  • non tossici, essendo etichettati solo come irritanti, invece che pericolosi, tossici, cancerogeni, pericolosi per l'ambiente, ecc..;
  • Rinnovabile e biodegradabile;
  • sempre di più saranno fatti su misura (cioè studiati e sviluppati per soddisfare anche le esigenze di un solo cliente);
  • Secondo una recente ricerca (Research Inc., 2016) entro il 2020 il mercato mondiale dei biosolventi varrà più di 3,6 milioni di tonnellate.

Sono Renato Giani e sono un chimico.

Dal 2000 lavoro nella biotecnologia industriale e da più di 10 anni mi occupo di ricerca e sviluppo di solventi innovativi di origine vegetale.

Dal 2012 sono direttore della divisione ASTROBIO™ di Liberty Chemicals srl, Italia.

I biosolventi non sono per tutti

A Eurocoat 2016, tenutosi a Parigi, ho tenuto una breve conferenza sui nostri biosolventi e il nostro stand ha registrato una grande attenzione sui nostri prodotti da parte di molti visitatori.

Potete trovare un video completo e altri interessanti nella sezione "risorse" del nostro sito web.

Devo essere onesto con voi: i biosolventi non sono per tutte le persone o aziende.

Nonostante i loro numerosi vantaggi, se li si considera solo a livello di prezzo, al giorno d'oggi sono ancora la soluzione più costosa.

Inoltre, nessuno ti obbliga a sbarazzarti dell'acetone o dell'acqua ragia o delle sostanze aromatiche, anche se i loro rischi intrinseci sono ben noti a tutti!

Ma, se anche tu sei un innovatore, se non hai paura dei cambiamenti e se ti interessa davvero la salute dei tuoi colleghi e dipendenti, questa è la scelta giusta da fare.

Se pensate che sia davvero possibile (e credetemi, lo è) ora sostituire i vecchi solventi, testando le alternative disponibili, per favore, inviateci i vostri commenti a questo post o scrivete al nostro team iscrivendosi alla nostra area riservata.

Saremo ansiosi di rispondervi.

Cosa state aspettando?

Migliaia di aziende in tutta l'UE sono già passate dai solventi tossici a base fossile alle nostre alternative a base biologica.

it_ITItalian